Di calcio e politica

Non amo il calcio. Nutro tiepide simpatie, puro campanilismo, per il Lecce, e trovo stucchevoli i dibattiti infiniti sulle tattiche messe in campo da questo o quel commissario tecnico. Agli accapigliamenti tra tifosi di squadre diverse, anche amichevoli, reagisco con stupore: mi impressiona sempre quel sovrappiù di passione – verbale e non – che ne viene fuori e dico tutte le volte che andrebbe travasata altrove, nel resto della vita.
Ma c’è un momento di una partita di calcio che mi piace e mi emoziona: quando il gioco finisce, e i calciatori che hanno vinto gioiscono e festeggiano la vittoria. A volte compiono gesti belli e forti che, per un attimo, fanno dimenticare l’enorme e scandaloso business che ruota attorno a loro. Io, ad esempio, assisto sempre incantata agli abbracci sportivi tra chi vince e chi perde.
Come ieri, alla fine di Juventus-Milan. Il capitano della Juve, Del Piero, ha scambiato la maglia col milanista Seedorf, anche lui numero 10, ma solo dopo essersi stretti con vigore. Vederli indossare, entrambi, i colori della maglia avversaria mi ha commosso fino alle lacrime: mi ha fatto pensare ai cavalieri medievali che dopo essersi battuti con valore, si scambiavano l’onore delle armi. È quello che definiscono “spirito sportivo” che dà senso a tutte le competizioni, comprese quelle elettorali.
È lo spirito che risiede nei segni più che nelle parole (che invece possono essere bugiarde). Segni di cui, noi cittadini, sentiamo molto la mancanza: sono rivolti a tutti, vanno oltre i colori di ciascuna parte e investono direttamente il significato complessivo, il senso fondamentale, di una gara, qualsiasi sia la natura della contrapposizione. Che non parla solo ad alcuni, alle rispettive tifoserie, ma a tutto il “pubblico”, a noi che dobbiamo scegliere chi è il migliore in campo.
Come accade in politica: dove qualsiasi competizione è esasperata dalla definizione di chi scende in campo – “chi sono io e chi sei tu” – e dalla demarcazione dei relativi ambiti d’appartenenza – quel territorio mi appartiene, è “cosa” mia – più che dal significato che riveste una presenza e dalla volontà di rintracciare risposte sensate per il fantomatico “bene comune”.
È paradossale questo fatto: quando lo capiranno i nostri rappresentanti? Invece di interrogare i sondaggisti, imparino dagli sportivi: vedere Del Piero con la maglia rosso-nera non avrà fatto godere i tifosi juventini (e viceversa) ma a me, che tifosa non sono, è sembrata una grande lezione politica.
(micromega.it)

Commenti

Post popolari in questo blog

In cerca di preti, nelle chat popolate di solitudini

"Il desiderio di essere come tutti"

"Todo cambia" nel film di Moretti