giovedì 10 marzo 2011

C'è lavoro a tre euro l'ora

Ieri mattina ho saputo che F., amica "di cani", che frequenta lo stesso nostro parchetto, ha lavorato per un mese, a tre euro l'ora e dunque in nero, nel minimarket di quartiere: faceva la cassiera e sostituiva la compagna del proprietario. Quando ha saputo che avrebbe iniziato a lavorare, era raggiante: il negozio è un 'no logo' ed ha molta merce di provenienza romena, è economico e, di questi tempi, sempre affollato. F. si sentiva una bella responsabilità e sperava che quella sostituzione diventasse qualcosa di più.

Eluana e la tortura di Stato

Ramòn Sampedro, scrittore spagnolo tetraplegico a causa di un incidente, passò il resto della propria vita a lottare per ottenere il suicidio assistito. Alla fine, chiese a una sua amica di essere avvelenato col cianuro: fine orribile, raccontata con maestria da Alejandro Amenabar, nel bellissimo film “Mare dentro”. Quando ancora Sampedro combatteva per vedere riconosciuto il diritto all’eutanasia, disse più o meno queste parole: “L’arma migliore a disposizione dei potenti per sottomettere gli altri è l’imposizione della paura del dolore”.