A Natale siamo tutti più "chiaviche"

Ma perché a Natale siamo tutti più depressi o euforici, comunque impressionabili, di certo emotivamente instabili? Chi è in crisi esistenziale, rischia il tracollo definitivo, chi ha subito un abbandono non va lasciato solo neppure mezza giornata, chi è disorientato meglio non si avventuri in territori sconosciuti. È come se, durante le feste, andassimo in giro tutti nudi: e ogni parola, ogni gesto, ogni sorriso o scherzo avessero lo stesso effetto di un calcio in bocca. Così è successo a me: all'inizio ho bellamente ignorato le prime scosse di terremoto.
Ma erano nette e presaghe di sventura. Le ho avvertite alla banale scoperta che proprio la tabaccaia simpatica - quella che mi aveva sorriso e dato gli auguri - era stata capace, subito dopo, di rifilarmi una banconota da venti euro. Falsa, falsissima anzi. Me lo ha fatto notare il mio edicolante di fiducia: uno che ha letto più libri di tutti i miei amici messi insieme e che è sempre cordiale e sorridente. Ragion per cui, alla notizia ferale, ho avuto le seguenti reazioni, in successione: vergogna (manco l'avessi stampata io quella banconota), nodo alla gola, rabbia omicida. Nonostante le avvisaglie, ho tirato dritta per la mia strada, infilando le cuffiette dell'iPod a scopo precauzionale. Ma la tragedia si è abbattuta quando, la signora che chiede l'elemosina fuori dal market (e che dicono abbia ormai più soldi di me), mi ha fatto notare che le avevo promesso quelle "medicine famose" : me ne ero forse dimenticata? Ho prima balbettato, poi, facendo una veloce ricognizione di tutte le promesse fatte e mai mantenute, mortificatissima, le ho chiesto scusa e mi sono arresa. L'obiettivo, ora, era di tornare a casa senza altri incidenti, buttarmi nel mio letto e piangere tutti i miei fallimenti passati e possibilmente anche quelli futuri. Così, ho passato in rassegna tutti - ma proprio tutti - i miei punti oscuri, le inefficienze,le contraddizioni, le fobie, le nevrosi e le tremende insicurezze. Mi sono rialzata alcune ore dopo con gli occhi gonfi e un mal di testa esplosivo. E pensando al mio presente difficile e al mio futuro preoccupante, ho telefonato della mia amica più buona, da sempre priva di senso critico (con me). "Buon Natale!", le ho detto, "dimmi subito perché mi vuoi così bene!".

Commenti

Post popolari in questo blog

In cerca di preti, nelle chat popolate di solitudini

"Il desiderio di essere come tutti"

Può succedere che...