Ma la Costituzione è eterosessuale?

Non c’è dubbio, per il sottosegretario Carlo Giovanardi. La nostra Costituzione è eterosessuale. Indignato per l’offesa arrecata alla Carta fondamentale da una pacifica pubblicità di Ikea, rea di essere troppo europea e gay friendly, Giovanardi cita – risentito – l’articolo 29 della Carta fondamentale: “La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio”.Il fu democristiano, oggi di stretta osservanza berlusconiana, è recidivo: tutte le volte che fa outing sulle questioni che gli stanno più a cuore – memorabile, per l’umana pietas, quello su Stefano Cucchi, accusato di essere “morto perché anoressico, drogato e sieropositivo” – utilizza come corpo contundente la propria delega alle politiche per la famiglia, al contrasto delle tossicodipendenze e al servizio civile. E l’adesione al cattolicesimo come “bomba intelligente” da lanciare contro gli infedeli.


Giovanardi cita la Costituzione a memoria come un predicatore recita i versetti biblici. Che i nostri costituenti, nel lontano 1945, non avessero in mente l’eventualità di estendere il matrimonio anche a persone dello stesso sesso, è assai probabile. Ma il dato essenziale è che il testo della norma, in nessun punto, limiti l’istituto del matrimonio a persone di sesso diverso. E pur riconoscendo solennemente la famiglia fondata sul matrimonio, non vieta certamente di riconoscerne altre: non è una norma limitativa ma una disposizione in sé neutra, scritta in presenza di un contesto sociale di riferimento che certamente ha poco a che fare con quello dell’Italia di oggi. Unico limite individuato dall’articolo è rappresentato dal termine “naturale”.

E, come spiega in un saggio breve, Marco Balboni, docente di Diritto dell’Unione europea a Bologna, “va da sé che non può essere attribuito al termine naturale ciò che viene ritenuto tale da una particolare concezione ideologica, religiosa o altro”. Perché l’uso di un tale criterio interpretativo sarebbe “aberrante in uno Stato che si è fondato costituzionalmente in contrapposizione (e superamento) del modello dello Stato etico, quale che sia questa etica”. Dunque, prosegue il giurista, “naturale va inteso come dato pre-giuridico, che il diritto positivo si limita appunto a riconoscere». E la famiglia è un dato sociologico, che “la costituzione non crea ma si limita a tutelare”.

“È lecito attribuire al messaggio cristiano un modello di famiglia quale quello che abbiamo ereditato dal passato e che ancora sopravvive?”, si chiedeva Ernesto Balducci, teologo simbolo della Chiesa progressista, in occasione del referendum sul divorzio. E, subito, rispondeva: “Si tratta appunto di una menzogna […] Il Vangelo non ci dà nessun esempio di famiglia precisa, per il semplice fatto che, almeno nelle convinzioni di fede, Maria e Giuseppe non erano autenticamente marito e moglie. Quindi, presentare come modello di famiglia un modello in cui proprio l’aspetto principale non era integro, significa fare una mistificazione”.

Poi, concludeva: “Come credenti ci compete l’onere e il privilegio di essere fedeli alle ispirazioni evangeliche fondamentali; ma queste ispirazioni non sono da tradurre come modello etico-giuridico, poiché sono una spinta continuamente trasformante della realtà storica, disponibili a sempre nuove forme di ordinamento familiare”. Era il lontano 1974 e, forse, per Balducci la Costituzione è anche un po’ gay.

Commenti

Post popolari in questo blog

In cerca di preti, nelle chat popolate di solitudini

"Il desiderio di essere come tutti"

"Todo cambia" nel film di Moretti