Il segreto delle "Casalinghe disperate"

Ci pensavo oggi. Non mi era mai successo: con nessun programma, talk-show, serie televisiva o reality. Mi viene in mente già dal mattino, appena sveglia. Poi durante il giorno, quando mi capita di fare una cosa particolarmente pallosa: basta che mi dica, "stasera ci sono loro, e sorrido.
Come tanti anni fa, a scuola, quando il pensiero correva alla puntata del pomeriggio di Mimì Ayuara: ed ero subito in attesa emozionata.
Un chiaro caso di regressione, che irrompe, tra l'altro, alla fine di ogni puntata: l'idea di attendere un'altra settimana prima di rientrare nuovamente in Wisteria Lane, mi risulta tanto insopportabile da reggere, che me ne sto in silenzio sul divano. Solo alcuni minuti: il tempo necessario a rientrare nei ranghi, e credere di poter fare a meno di quella fantastica finzione.
Qual è il segreto delle casalinghe, dunque?
Un intreccio di storie imperfette, principalmente femminili, che si snoda in un pugno di strade, Wisteria Lane; un piccolo mondo di segreti, di amori, di quotidiane frustrazioni e di equivoci; di scelte spesso amorali e iperboliche, che però si pagano (prima o poi e come nella vita reale); ma soprattutto quella voce che - come regia sonora - tira le somme, indica la direzione, trae una lezione da una sconfitta, oppure svela una verità accuratamente nascosta: ecco, tutte queste cose, messe insieme - e chissà quante altre che non riesco a riconoscere - appagano il bisogno di una narrazione collettiva, di una vita da 'branco', di appartenenze e legami; finanche di un territorio comune e di una regia unica.
La finzione illumina bisogni  reali, è sempre così: non è mai la risposta ma una specie di faro, montato ad arte. Ad esempio, la sete di solidarietà femminile. Oppure, di comunità: a cui appartenere idealmente, con cui scambiare tempo e risorse, alla quale collegarsi ogni giorno; ma anche d'ironia, che ha sempre la meglio sul resto.
Ironia. Motore invisibile di Desperate housewives: quello che anima i dialoghi e muove il copione. La stessa che manca - troppe volte - alle nostre giornate impegnate, eternamente strette tra necessità e volontà.
Io mi sento sempre meno 'desperate' quando vedo le casalinghe. E grata per la leggerezza che mi resta addosso.

Commenti

Post popolari in questo blog

In cerca di preti, nelle chat popolate di solitudini

"Il desiderio di essere come tutti"

"Todo cambia" nel film di Moretti