Gabbie

Oggi sarei scappata volentieri da questo paese e dalle sue gabbie di pensiero, arrugginite e asfissianti. Questo significa essere "piagnoni"?
Non mi pi
ace l'indignazione fine a se stessa, "quellieternamenteincazzati" alla beppe grillo, ma non riesco proprio a non chiedermi se non sia snobbismo il mio. Me lo chiedo ora, oggi quando è chiaro, ormai, che stiamo passando il segno.
L´idea che un medico debba farsi investigatore e delatore di un malato "clandestino"; e poi la schedatura dei clochard; e poi Eluana...e poi, S.B. che è "pronto a cambiare la Costituzione sui decreti d'urgenza". E questa silente opposizione, che per leggere uno straccio di dichiarazione alle agenzie, su Eluana, occorre aspettare un Ferrero qualsiasi o gli equilibrismi del Pd...
Insomma, uno aspetta e si dice "magari il disfattismo non serve a nulla, magari, non và così male come dicono Di Pietro e Travaglio"...e poi, sopraggiunge la stanchezza. E ti chiedi solo un po' di libertà e di ossigeno. Altrove.

Commenti

Post popolari in questo blog

In cerca di preti, nelle chat popolate di solitudini

"Il desiderio di essere come tutti"

"Todo cambia" nel film di Moretti